Documenti

Ecco le misure shock dell’ ECDC contro la Pandemia

1 Coronavirus 2019-nCoV. Cosa è stato fatto all'inizio?

Le misure varate dall’ ECDC –Centro Europeo per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie-  sono una delle priorità per contrastare il diffondersi del COVID 2019. 

Questo articolo è la traduzione in italiano della comunicazione in lingua inglese trasmessa dall’ ECDC  –Agenzia dell’ Unione Europea–  sul proprio sito istituzionale, in data 12 marzo 2020. 

Il contenuto è tratto dal 6° aggiornamento emesso in ordine di tempo dal  ECDC, al fine di informare istituzioni e comunità sull’ evolversi della pandemia  generata dal corona virus.

Rapida valutazione dei rischi: Pandemia di una nuova malattia di coronavirus 2019 (COVID-19): aumento della trasmissione nell’UE / SEE e nel Regno Unito

Il 31 dicembre 2019, un gruppo di casi di polmonite di eziologia sconosciuta è stato segnalato a Wuhan, nella provincia di Hubei, in Cina.

Il 9 gennaio 2020, China CDC ha riportato un nuovo coronavirus come agente causa di questo focolaio, che è dal punto di vista filogenetico nel clade SARS-CoV.

La malattia associata al virus è indicata come una nuova malattia coronavirus del 2019 (COVID-19).

 

Ecco le 6 misure necessarie per mitigare l’impatto della pandemia

Data l’attuale epidemiologia e la valutazione dei rischi e gli sviluppi previsti nei prossimi giorni o tra poche settimane, nei paesi UE / SEE  (Spazio Economico Europeo) sono necessarie le seguenti misure di prevenzione della salute pubblica per mitigare l’impatto della pandemia:

1) Misure di distanziamento sociale dovrebbero essere attuate in anticipo per mitigare l’impatto  e per ritardare il picco della malattia.

Ciò può interrompere le catene di trasmissione da uomo a uomo, prevenire un’ulteriore diffusione, ridurre l’intensità dell’epidemia e rallentare l’aumento dei casi, consentendo al contempo ai sistemi sanitari di prepararsi per far fronte a un maggiore afflusso di pazienti.

Tali misure dovrebbero comprendere quanto segue:

  • Immediato isolamento di persone sintomatiche di cui si sospetta o si conferma l ‘infezione da COVID-19;Sospensione delle riunioni di massa, tenendo conto delle dimensioni dell’evento, della densità dei partecipanti e se l’evento si trova in un ambiente chiuso ristretto;
  • Misure di allontanamento sociale nei luoghi di lavoro (ad esempio telelavoro, sospensione delle riunioni, annullamento di viaggi non essenziali);
  • Misure di chiusura delle scuole, tenendo conto dell’incertezza dei dati sui bambini riguardo la trasmissione della malattia, delle necessità quotidiane degli stessi, dell’ impatto sul personale infermieristico, del potenziale aumento della trasmissione ai nonni vulnerabili;
  • Cordone sanitario delle aree residenziali con alti livelli di trasmissione nella comunità.

2) Garantire che il pubblico sia consapevole della gravità di COVID-19. È richiesto un alto livello di comprensione, solidarietà e disciplina da parte della popolazione nell’applicazione di rigide norme di igiene personale, modo di tossire, autocontrollo e misure di distanziamento sociale.

L’impegno della comunità e l’accettazione delle rigorose misure di allontanamento sociale messe in atto sono fondamentali per ritardare e ridurre un’ulteriore diffusione.

3) La prevenzione e il controllo del COVID-19 negli ospedali e nelle strutture di assistenza a lungo termine è una priorità immediata al fine di:

  • rallentare la domanda di assistenza sanitaria specializzata, come i letti in terapia intensiva;
  • salvaguardare le popolazioni vulnerabili per i gravi esiti dell’ infezione
  • proteggere gli operatori sanitari che forniscono assistenza;
  • ridurre al minimo l’esportazione di casi verso altre strutture sanitarie e la comunità.

4) Ogni struttura sanitaria dovrebbe avviare la formazione per tutto il personale e per coloro che potrebbero essere impiegati nell’assistenza sanitaria durante il picco della portata.

I paesi dovrebbero identificare le unità sanitarie che possono essere designate per la cura dei casi COVID-19, per ridurre al minimo la trasmissione a coloro che non sono identificati come casi e per risparmiare i DPI (Dispositivi di Protezione Individuale).

I paesi e le istituzioni sanitarie dovrebbero identificare strutture aggiuntive che possono essere utilizzate per lo scaglione di casi con sintomi lievi, nel caso in cui le strutture sanitarie superino la loro capacità di risposta.

La massima priorità per l’uso dei respiratori (FFP2 / 3) sono gli operatori sanitari, in particolare quelli che eseguono procedure che generano aerosol, incluso il tampone.

5) Se le risorse o le capacità sono limitate, dovrebbero essere adottati approcci razionali per dare priorità alle azioni ad alto rendimento, che includono: uso razionale dei test di conferma, riduzione della traccia dei contatti per concentrarsi solo su contatti ad alto rendimento, uso razionale dei DPI e ricovero in ospedale, inoltre attuazione di criteri razionali per il de-isolamento.

Gli approcci ai test dovrebbero dare priorità alle popolazioni vulnerabili, alla protezione delle strutture sociali e sanitarie, compreso il personale.

6) I sistemi di sorveglianza nazionali all’inizio dovrebbero puntare a individuare rapidamente i casi e a valutare la trasmissione nella comunità.

Con il progredire dell’epidemia, la vigilanza dovrebbe monitorare l’intensità, la diffusione geografica e l’impatto dell’epidemia sulla popolazione e sui sistemi sanitari e valutare l’efficacia delle misure adottate.

In circostanze di mancata capacità e rigorosa attuazione delle misure di allontanamento sociale, la vigilanza dovrebbe concentrarsi sulle infezioni respiratorie acute, videosorveglianza nei poliambulatori o raccolta dati tramite linee telefoniche.

Un approccio strategico basato sull’applicazione precoce e rigorosa di queste misure contribuirà a ridurre l’onere e la pressione sul sistema sanitario in particolare sugli ospedali e consentirà più tempo per testare le terapie e lo sviluppo del vaccino.

europeforyou.net / Inglese > Italiano Traduzione di Cetty Tripoli

Articolo tratto da:

https://www.ecdc.europa.eu/en/publications-data/rapid-risk-assessment-novel-coronavirus-disease-2019-covid-19-pandemic-increased

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.